IDANNA PUCCI

La Signora di Sing Sing

in occasione della GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE,

volendo proporre un'azione positiva e una testimonianza esemplare,

abbiamo il piacere di invitarvi

sabato 25 novembre 2017 alle ore 18:00
in VILLA  MAURONER a Tissano di Santa Maria la Longa

per la presentazione del libro di IDANNA PUCCI "La Signora di Sing Sing"

con la prefazione di Edgar Morin nell'edizione curata dalla storica Libreria Editrice Fiorentina

e con la presenza dell'autrice.

Descrizione


In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, presso Villa Mauroner Tissano ci sarà la prima presentazione in Friuli del saggio storico “La Signora di Sing Sing” nell’edizione 2016, riveduta e corretta della casa editrice LEF e con la prestigiosa prefazione di Edgar Morin, filosofo e sociologo. Sarà presente l’autrice Idanna Pucci.

Si tratta di una storia vera le cui protagoniste sono due donne diversissime tra loro per estrazione sociale, cultura, atteggiamento che si incontrano per dare vita alla prima battaglia contro la pena di morte negli Stati Uniti. La prima, Maria Barbella giovane lucana analfabeta emigrata in America viene sedotta e abbandonata da un suo compaesano. Maria lo supplica di sposarla ma lui la offende pesantemente. Maria allora, in un attimo di raptus come oggi si dice, lo uccide. Per questo viene condannata alla pena capitale sulla sedia elettrica dopo un processo sommario e frettoloso.

Entra in campo la seconda protagonista di questa vicenda, Cora Slocomb Savorgan di Brazzà ricca ereditiera americana sposa di Detalmo Savorgnan di Brazzà e residente in Friuli. Apprende dal New York Times della triste storia di Maria Barbella e decide assieme al marito che bisogna fare qualcosa per salvare questa giovane donna.

Arriva negli Stati Uniti e solleva un grande movimento d’opinione che fa sì che il processo venga rifatto e Maria  assolta.

I temi che vengono affrontati in questo testo sono molteplici ma la storia ha una rilevanza pubblica soprattutto per il suo valore di esempio e per i nobili ideali che animano Cora Slocomb. E’ una storia che ci insegna come il coraggio, la forza d’animo, la capacità di non arrendersi facciano la differenza e possano smuovere montagne. E’ ciò di cui abbiamo bisogno per scalfire la crosta di indifferenza e rassegnazione che sta permeando la nostra vita.

Cora Slocomb è stata anche un personaggio simbolo dell’emancipazione femminile della prima metà del ’900. Fondatrice della prima Scuola Cooperativa per merletti a fusello del Friuli portò i prodotti di queste terre Oltreoceano. Favorì la nascita del biscottificio Delser prima industria dolciaria in Friuli, e, in campo florovivaistico, contribuì alla creazione delle viole di Udine e di Brazzà che ottennero il premio della Royal Horticultural Society nel 1883.

L’autrice Idanna Pucci è la pronipote di Cora Slocomb Savorgan di Brazzà.

RECENSIONI

www.insegnareonline.com/rivista/oltre-lavagna/memoria-parola-abusata